Le sorprese del calcio (identità in gioco)

Ci sono varie ragioni che ultimamente mi hanno fatto “riscoprire” il calcio. Seppur condivida l’ansia di molti per la deriva dello sport moderno – visualizzata dai fisici bufaleschi degli atleti, dagli scandali del doping, dalla mercificazione di tutti gli aspetti dell’attività sportiva – a differenza di altre discipline il calcio offre sempre interessanti sorprese, soprattutto puntando lo sguardo verso gli aspetti marginali del fenomeno. Prendiamo per esempio il campionato europeo attualmente in svolgimento. La Germania gioca contro la Polonia e vince grazie a due gol del suo giocatore più brillante, che casualmente è polacco! Non si tratta semplicemente di un migrante di seconda generazione ma di un ragazzo che, a parte i genitori, ha tutta la famiglia in Polonia e che avrebbe indossato volentieri la maglia della Polonia se quel paese gliela avesse offerta… Dopo entrambi i gol si è visto bene che Lukas Podolski non ha esultato e alla fine della partita è stato l’unico “tedesco” ad indossare la maglietta della Polonia, maglietta che ha tenuto anche durante l’intervista fattagli dalla televisione pubblica tedesca…imbarazzando un po’ il cronista sovraeccitato dalla vittoria. L’eroe della serata con la maglia degli avversari (e che avversari, se facciamo memoria dell’annosissima diatriba storico-culturale tedesco-polacca)!

Altro palco, stessa scena. La partita è Svizzera-Turchia. La Svizzera va in vantaggio grazie a un gol di Hakan Yakin, il suo numero dieci nato a Basilea ma in possesso del doppio passaporto, turco e svizzero. Anche lui come Podolski ha evitato di esultare dopo aver realizzato il gol, probabilmente per non offendere i parenti residenti nei due paesi. Diversamente da Podolski, a quanto riferisce Wikipedia, Yakin ha scelto di indossare la maglia della nazionalità svizzera per ragioni personali, pur di fronte all’offerta di rappresentare il paese di origine della famiglia.

Questi due esempi non sono casi isolati ma rappresentano un fenomeno emergente che riguarda la generalità dei paesi europei. Da un lato, in modo seppur lieve, dimostrano la caducità delle “identità nazionali”. Cosa vuol dire oggi essere tedesco? E svizzero? E italiano? Dall’altro fanno aprire gli occhi sulla realtà che vivono i paesi ricchi, sempre più chiusi allo straniero “più povero”, pronti a criminalizzarlo, ma attenti a sfruttarne tutte le potenzialità, sportive o meno. Spero non sia lontano il giorno in cui il centravanti della nazionalità italiana sarà un ragazzo di origine rumena o albanese. Intanto, su tutt’altro fronte, un giovane scrittore di origine albanese, ma che scrive in italiano, Ron Kubati, è tra i finalisti dell’ultima edizione del premio Strega.

Chiudo la pagina sportiva segnalando i due cronisti sportivi più simpatici, quelli del Guardian. Quale giornalista italiano indosserebbe una maglietta dei Pixies in un servizio televisivo? Ecco il video.

Annunci

One thought on “Le sorprese del calcio (identità in gioco)

  1. effettivamente anch’io ragionavo su questo.
    alla fine di turchia-svizzera ho pensato: meglio i turchi veri che i mezzi turchi.
    e ora tiferò romania!!!!
    siamo razzisti solo contro i poveri, pronti a chiudere occhi e naso alla bisogna
    infine il calcio risulta sempre lo sport dei poveri; basta un pallone (a volte anche pseudo, tipo quattro stracci arrotolati) mentre altri sport necessitano di attrezzature più costose.
    in questo senso si può leggere anche la situazione dell’italia: a metà tra paese povero, quindi dedito al pallone, e paese avanzato. solo che sto giro non ci salverà nemmeno il calcio; affonderemo senza salvagente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...