Il giornalista svizzero

Dal comunicato stampa di Fuorirotta: “Sabato 7 novembre, Alle 16.30, alla Libreria Feltrinelli (di Udine, NdR), il giornalista svizzero di origine friulana Max Mauro, autore de La bici sopra Berlino, racconterà un’inedita Berlino del dopo-Muro esplorata in sella a una bicicletta, conversando con il collega Gianpaolo Carbonetto e lo scrittore e cicloviaggiatore Emilio Rigatti“.

E ora chi glielo dice agli svizzeri?!! Voglio il passaporto!

Altre date per La Bici sopra Berlino

Ultimo giro, ultima corsa (prima della fine dell’anno e per vari mesi a venire in quello nuovo). Nei giorni in cui cade il ventennale della caduta del Muro di Berlino sarò in Italia per alcuni incontri attorno a La bici sopra Berlino. Sabato  7 novembre a Udine, presso la libreria Feltrinelli, nell’ambito di Fuorirotta, festival del viaggiatori. Il 5 a Padova, presso la libreria Pangea, il 4 al Dobialab, a Dobbia, (non in provincia di Monfalcone ma vicino a Monfalcone sì), lunedì 9 novembre a Venezia, presso l’Associazione culturale Italo-Tedesca. Potrebbe aggiungersi un altro evento, ma attendo conferma. Dettagli e aggiornamenti nel sito di Ediciclo. Nel frattempo, sul fronte recensioni-commenti, è uscita una segnalazione del libro nell’Almanacco dei libri di Repubblica, sabato 24 ottobre.

Ciaofurbo, 20 anni dopo

In copertina c’era un coniglio che montava un gallo. Un foto-montaggio ben riuscito, fatto con carta e colla, ai tempi in cui i computer erano merce rara e ai più irraggiungibile. La copertina era quella del numero zero di Ciaofurbo, pubblicato in quel di Padova nel settembre 1989. La data precisa me l’ero scordata, la copertina no. A rinnovare il ricordo ci ha pensato Ciro Garuti, uno dei quattro ‘fattori’ della fanzine (gli altri erano Mauro ‘Paranko’ Padoan, Giorgio ‘Pg’ Masili e io), che qualche settimana fa che in quel di Ferrara mi ha consegnato una ristampa fatta per celebrare il ventennale. Continua a leggere

Intervista su La bici sopra Berlino

Il Messaggero veneto, principale quotidiano della provincia di Udine, ha pubblicato oggi nelle sue pagine culturali un’intervista con il sottoscritto attorno al libro La bici sopra Berlino. Parte del testo si può leggere nel blog di Ediciclo. Nel frattempo, è stata confermata la mia presenza a Udine nell’ambito di Fuorirotta, due giorni di eventi attorno al tema del viaggio, sabato 7 novembre. I dettagli, a seguire.

Il mio padrone di casa, il problema BS e la fattoria degli animali

Sono stanco. Sono stanco di sentire ironia e commiserazione da parte di persone di ogni possibile paese quando parlano dell’Italia. E’ che con il problema BS a fare da diga a ogni ragionamento civile non c’è via di uscita. L’altro giorno ci si è messo anche il padrone di casa. E’ venuto a vedere una finestra difettosa e mentre prendeva nota di non so cosa ha avviato un’imbarazzante conversazione su di Lui, l’uomo che ha inventato la ciambella con il buco dipinto sopra. Come si chiama? Ber, Bar, Birlussconi? What’s his name? Un risolino insidioso ha segnato la sua faccia mentre cercava di ricordarne il nome. Il padrone di casa non è un intellettuale e non sembra nemmeno molto interessato alla politica, men che meno alla politica internazionale. Si cura solo che l’affitto (o gli affitti, possiede varie case) sia puntuale, che il governo non introduca nuove tasse e che l’Irlanda non sia invasa da africani (c’è gente che ha di queste paure, tutto il mondo è paese). Ebbene anche lui, l’uomo della strada dell’isola celtica, si è sentito autorizzato a prendere in giro i poveri italiani che si ritrovano per presidente un uomo senza pudori e una incontenibile autostima. In momenti come questo il mio pensiero va alle persone che lo sostengono, in Italia. Quelli che lo hanno votato o che semplicemente credono alla sua mania di persecuzione perché è un “imprenditore”, uno che si è fatto da sé ecc.  Cosa penseranno/diranno di fronte alle frasi che ha pronunciato dopo il voto della Corte Costituzionale, che ha bocciato la legge che gli garantiva l’immunità?

“The Constitutional Court is a political organ. The trials against me are a farce. Viva Italia and Viva Berlusconi!”.

Questa una delle frasi riportate da The Times. Ok, è stampa straniera e quindi di sinistra, perché come si sa all’estero sono tutti comunisti.  Per di più è di proprietà di Rupert Murdoch, un rivale di BS. Il problema è che sono le stesse frasi che si possono trovare su tutti i giornali del mondo, in queste ore. Ma non è abbastanza: i legali di BS hanno attuato una difesa in stile Fattoria degli animali, lui è “primo tra uguali”. Così prosegue l’articolo. Fattoria degli animali?! Ma siamo impazziti? No, è tutto vero. Ma come è possibile ridursi così?

Invecchiare…con ironia

I Dinosaur jr hanno lasciato il segno nella mia tarda adolescenza e, di conseguenza, sono uno di quei gruppi che non mi stanco di ascoltare. Pur continuando a fare praticamente la stessa musica che facevano 20 anni fa, hanno il pregio dell’ironia. Non si prendono troppo sul serio. Come i Sonic Youth e pochi altri. Saper invecchiare con (auto)ironia è una bella cosa. Un video tratto dall’ultimo album vede i nostri alle prese con bmx e skateboard, particolari emblemi moderni dell’età dell’incoscienza… La canzone mi piace, è già un nuovo piccolo classico, il video è una presa in giro divertente oltre ad essere uno dei video musicali più “ciclistici” di sempre. QUI

p.s. Si, il tipo con la camicia a quadri che compare verso la fine del video è Mike Watt, lo si vede anche al bar accanto a Murph. p.s.s. la fotografia di questo video è da maestri, pura bellezza.