Giornalismo sportivo…l’ardua sfida della contemporaneità!

Mai come oggi il giornalista sportivo deve confrontarsi con temi apparentemente extra-sportivi. Dalle complesse implicazioni etico-legali del diffuso fenomeno del doping, ai continui scandali delle scommesse, la corruzione del sistema (vedi l’assegnazione della Coppa del mondo di calcio maschile al Qatar), il razzismo fuori e dentro gli stadi. Le occasioni per far notare quanto capiscono della realtà che si cela oltre il flebile confine del loro piccolo grande mondo sono innumerevoli. Eppure pochi fanno lo sforzo di documentarsi, di informarsi, oltre le classifiche, le storie dei record, delle “imprese” sportive (che poi molti professionisti conoscono poco anche quelle).  Il giornalista sportivo vive per definizione in un mondo parallelo.

Purtroppo per lui o lei, il ruolo che lo sport ha assunto nell’immaginario collettivo e nei sistemi economici non ammette più, se mai ha ammesso, di queste visioni fantasmatiche. Oggi è proprio il giornalista/commentatore sportivo a trovarsi in prima fila, sul punto del palco più visibile, quando questioni storiche e politiche sensibili vengono “spese”, gettate e masticate, nella comunicazione di massa. Prendiamo per esempio  la questione della nazionalità, del senso di appartenenza nazionale e dei diritti di cittadinanza, dei giovani di origine immigrata. Lo sport, e in particolare il calcio, offrono continui spunti di riflessione, a chi li voglia cogliere. Le nazionali di molti paesi europei sono l’espressione più marcata delle diversità razziali e culturali che animano le società. Per parlare di questo, anche solo per intervistare un calciatore o commentare una partita, il giornalista dovrebbe sforzarsi di capire cosa succede nella società. Per esempio, come si diventa cittadini italiani?

Continua a leggere

Annunci