Xenofobi in campo: meno squalifiche e più formazione

Da Il Manifesto, 14 Marzo 2017

Il razzismo è parte dell’esperienza quotidiana di molti ragazzi di origine immigrata, soprattutto se di origine Africana, e il calcio non fa differenza. Al contrario, uno spazio che dovrebbe essere di socializzazione, svago e divertimento si trasforma spesso in un’esperienza traumatica per tutti quelli che vi sono coinvolti.

Tra settembre 2013 ad oggi circa quaranta calciatori dilettanti e dei campionati giovanili della FIGC hanno ricevuto una squalifica di dieci giornate per “comportamento discriminatorio”. Circa la metà dei casi è riferito a giocatori minorenni, alcuni poco più che bambini, come un undicenne di Prato che, nell’ottobre 2014, durante una partita della categoria esordienti, trovandosi quel giorno tra le riserve, aveva ripetutamente rivolto offese razziste all’arbitro, un adolescente di origine immigrata.

Continua a leggere

Parole come proiettili ovvero il discorso sull’immigrazione

Da Il Manifesto, 30 novembre 2016

Quanta violenza c’è nel discorso sull’immigrazione? Per discorso intendo un’accumulazione di termini, idee, conversazioni, prassi, azioni concertate e azioni automatiche dello stato e delle strutture democratiche, inclusi i mass media. Tutti assieme, nel corso del tempo, creano un corpo fluido e multiforme che pervicacemente avvolge tutto quello che incontra. Il discorso è potere, perché penetra le (in)coscienze e trascina le azioni verso una direzione. Il discorso è violenza, perché non rispetta ambiti e pertinenze. Si muove al passo della tecnologia informativa, che nell’era dei social media non accetta silenzi né tantomeno riconosce riguardi. Non deve stupire se il discorso prende le forme dell’imprevisto, perché è quello il suo segreto, la sua forza. Il discorso non si fa solo attraverso le parole urlate del politico di turno abbonato alla poltrona degli studi televisivi. Il discorso si manifesta, e si rinnova continuamente, nell’espressione spontanea del cittadino in tutt’altro affaccendato, o dell’esperto che offre opinioni sui temi più diversi. Continua a leggere

Lucrative contraddizioni dello sport moderno

Max Mauro, Il Manifesto, 27 Settembre 2016

La partecipazione di una squadra di rifugiati alle Olimpiadi di Rio ha catturato l’attenzione dei mezzi di informazione di buona parte dell’Occidente. Più d’uno, senza troppa fantasia, l’ha definita «una grande storia Olimpica». Tutto ciò è comprensibile se si tiene a mente che tra principi del movimento olimpico vi è quello di «contribuire alla costruzione di un mondo migliore e più pacifico educando la gioventù per mezzo dello sport, praticato senza discriminazioni di alcun genere» (articolo 6 della Carta Olimpica). Nel sogno delle Olimpiadi, lo sport viene inteso come massima espressione degli ideali universali di uguaglianza e inclusione sociale. Nel presentare l’iniziativa, il presidente del Comitato Olimpico Internazionale, Thomas Bach, aveva sottolineato l’ambizione che il Team Rifugiati potesse rendere il mondo più consapevole della crisi dei rifugiati. Le poche voci critiche hanno puntato l’attenzione sulla visibile contraddizione di una comunità internazionale che, particolarmente in Europa, nega i diritti all’accoglienza dei rifugiati costruendo muri, attaccando navi disarmate cariche di disperati e organizzando rimpatri coattivi di minori non accompagnati, mentre invita alcuni “fortunati” a partecipare al più spettacolare festival dello sport. Continua a leggere

Dal catalogo delle edizioni AR di Franco Freda spunta una pediatra friulana

La casa editrice AR (“AR” inteso come la radice di “ariano”) non è una casa editrice come le altre. Nell’aprile del 2012, il sindaco di Roma Gianni Alemanno si trovò in grave imbarazzo quando si venne a sapere che i suoi uffici avevano autorizzato la presentazione di un libro edito dalle edizioni AR in una sala del municipio. Alcuni organi di informazione segnalarono la cosa ed Alemanno fu costretto a cancellare l’iniziativa, ammettendo in una nota che l’autorizzazione era stata concessa “ignorando la matrice ideologica di questa casa editrice, contraria ai principi sanciti dalla Costituzione”. Insomma, se un politico orgoglioso della sua formazione neofascista giunge a questo, c’è qualcosa di strano.

Continua a leggere

Controlli a campione

Un paio di giorni fa è mancata contemporaneamente la corrente in varie zone del centro di Southampton. I generatori andavano e non andavano, nessuno ha capito o spiegato perché. I negozi della via commerciale, che noi chiamiamo Sabana Grande perché per qualche stramba ragione ci ricorda una via centrale di Caracas, si sono trovati in imprevista difficoltà. Oddio, ora come faremo senza gli amati aggeggi antitaccheggio. Attenti al ladro. Salviamo il salvabile. Dio del fusibile, aiutaci. I responsabili dei Magazzini Zara hanno prontamente mandato una ragazza dall’aspetto serio ma non minaccioso sulla porta. Il suo compito era di controllare quelli che uscivano; verificare che quello che avevano in borsa fosse stato pagato. La ragazza ci metteva dell’impegno, non c’è dubbio, ma utilizzando criteri particolari. Le persone che fermava erano tutte di un certo tipo, o di certi tipi. Diciamo che le persone di pelle chiara e di aspetto classicamente ‘Britannico’ venivano bellamente lasciate passare. Quelle di aspetto ‘altro’, che poteva essere asiatico o arabo o tante cose diverse, diverse da quelle che la ragazza distingueva come sue simili e quindi ‘normali’, venivano fermate e controllate. La cosa è andata avanti per dei lunghi minuti e forse nessuno l’ha notata, a parte chi veniva fermato dall’abitante della luna assunta per vie insondabili da Zara, e dall’occhio sensibile di Bibi, che poi mi ha riportato il tutto. In termini tecnici si chiama ‘racial profiling’. In linguaggio terra terra, si dice idiozia. Idiozia razzista.

Il vuoto al di qua della barriera. Il razzismo nel calcio e le parole di un allenatore

Un giocatore dilettante di calcio viene squalificato per dieci giornate per insulti razzisti rivolti ad un avversario di origine africana. Capita in Friuli, campionato di prima categoria della provincia di Udine. Così riferisce il quotidiano locale, il Messaggero Veneto. Gli insulti razzisti sono consuetudine domenicale per i calciatori dilettanti di colore, ma il più delle volte non vengono sentiti dall’arbitro e pertanto non finiscono nel referto. Talvolta, raramente, l’autore dell’insulto è così sboccato e sfacciato che l’arbitro non può ignorarlo. Scatta così la squalifica di dieci giornate, introdotta dalla FIGC nel 2013 per dare un segnale “forte” di impegno contro il razzismo nel calcio a tutti i livelli, come sollecitato dalla UEFA. In realtà, questa norma è stata applicata in pochissime occasioni. Continua a leggere

Voi non siete niente

Un ragazzo scende in strada e contesta gli slogan allucinati (e allucinanti) di Forza Nuova. “Voi non siete niente. Voi non sapete niente”, gli urla. Un “piccolo” eroe civile. Succede a Torino. Come diceva quel gruppo: “Torino è la mia città”. ll video (tratto dal sito del Corriere della Sera) è visibile QUI